Home Consumatori Consumatori Arezzo

Le piattaforme di trading: consigli per gli utenti

0
CONDIVIDI
Le piattaforme di trading: consigli per gli utenti
Le piattaforme di trading: consigli per gli utenti
Le piattaforme di trading: consigli per gli utenti

AREZZO. 22 AGO. Sono tante e non tutte a norma. Alcune offrono servizi specifici per un determinato tipo di investimento; altre sono più generiche e si rivolgono ad ogni tipo di asset.

Le piattaforme di investimento, note anche come broker online, hanno da diversi mesi invaso la rete sfruttando quella che, più che una loro posizione dominante, è una vera e propria necessità.

Per fare trading online infatti, occorre utilizzare un broker. Sono questi soggetti ad avere l’esclusiva. Ed allora, ecco che il mercato ha risposto a modo suo. Fiutando l’opportunità e andando a creare una ricca platea di attori molti dei quali ai limiti della legge.

Non è infatti facile dire quali sono le migliori piattaforme per fare trading online: l’unica cosa che si può affermare con certezza è che sarebbe opportuno affidarsi sempre e soltanto a broker legalizzati.

Tutti gli altri soggetti, e si parla quindi di piattaforme prive di qualunque forma di autorizzazione e di regolamentazione da parte degli appositi organi di vigilanza, vanno evitate come la peste.
Appurato questo ‘piccolo’ particolare si può passare a scegliere in base alla convenienza: chi investe lo fa per guadagnare, di conseguenza anche il fattore convenienza di un broker conta nella scelta.

Prendiamo ad esempio le piattaforme di trading offerte dalla banche italiane; che sono sempre di più. Ebbene, si tratta di soggetti che operano tutti, come ovvio, con regolare autorizzazione Consob (l’organo preposto in Italia a rilasciare i permessi).

Solo che, pur a norma, non tutte queste piattaforme sono consigliabili in quanto non tutte sono convenienti. Come si fa a sapere se un broker è conveniente? Semplice: basta guardare le commissioni sull’eseguito che vengono applicate. Al riguardo è preferibile fare ricorso sempre a piattaforme di trading online gratuite.

Detto di questi due aspetti fondamentali poi, la scelta diventa del tutto soggettiva: ci sono broker che offrono materiale didattico come guide, video, webinar ecc….broker che mettono a disposizione conti demo; ci sono poi differenza, da piattaforma a piattaforma, in riferimento allo spread applicato o ai vari bonus omaggio offerti a chi si iscrive.
In definitiva tanti parametri da valutare per la scelta di una piattaforma ma che vengono dopo i due pilastri fondamentali: regolamentazione e convenienza di un broker.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here